RECENSIONE: Vittoria sopravvissuta; 'Divided We Fall' racconta la storia più vera della seconda guerra mondiale

RECENSIONE: Vittoria sopravvissuta; 'Divided We Fall' racconta la storia più vera della seconda guerra mondiale



Orange è la nuova stagione nera 3 recensioni

di G. Allen Johnson


(indieWIRE / 06.07.01) - Perdonami se mi piace “Separati cadiamo,' il Oscar-nominato dramma di occupazione nazista dalla Repubblica Ceca, forse un po 'più di quanto dovrei. Dopo aver trascorso tre ore intorpidite per mano di Michael Bay e Jerry Bruckheimer (e non è incredibile quanto male 'Pearl Harbor'È con quel tipo di tempo, denaro e cast), è stato, scusate il gioco di parole, liberando la visione di un film della Seconda Guerra Mondiale in cui i personaggi sono sviluppati, le trame sono complesse e la' storia vera 'è davvero vera.

trailer del desiderio di morte 2017

Detto questo, direttore Jan HrebejkIl film è pieno di energia e un po 'troppo lungo, con una sezione centrale ricadente che si distende tra una configurazione ordinata, economica e un denouement ben eseguito. È come se Hrebejk e il suo sceneggiatore, Petr Jarchovsky (che ha adattato il suo romanzo), erano così concentrati sui loro ricchi personaggi che hanno deliberatamente evitato la narrazione di suspense, anche se la storia della vita reale su cui 'Divided We Fall' è basata è intrinsecamente suspense in un modo in cui solo le storie vere possono essere.

Ma è un buon film, filtrando attraverso la sua tragicomica visione del mondo come a volte è possibile essere coinvolti nei guai più profondamente semplicemente provando a starne fuori.

'Divided We Fall' è ambientato principalmente nell'appartamento spartano di Josef (Boleslav Polivka) e Marie (Anna Siskova), una coppia senza figli che sta cercando di aspettare l'occupazione nazista sostanzialmente restando al chiuso il più possibile. Josef è sterile e non ha lavorato da quando un incidente gli ha fatto soffrire un dolore. Marie vuole figli, ma il loro rapporto è solido grazie a un rassegnato sentimento di distensione.

Le loro vite sono presto capovolte dall'apparizione di David (Csonger Kassai), l'unico membro sopravvissuto di una vicina famiglia ebrea che è appena fuggito da un campo di concentramento. Incapaci di consegnarsi ai nazisti e morte certa, decidono di nasconderlo nella loro dispensa.

Kevin Spacey Pedo

Con il collaboratore nazista locale Horst (Jaroslav Dusek) respirando giù per il collo, Josef cerca di distogliere i sospetti accettando Horst in un'offerta di lavoro, facendo commissioni per i nazisti. Questo non rende Josef un ragazzo popolare in città, e rende Anna infelice perché Horst sviluppa presto un'attrazione quasi fatale per lei.

Come deve essere stato per molte città europee occupate durante la guerra, ogni situazione nella vita quotidiana è come una pistola carica. All'inizio, con David nascosto nel bagagliaio, un ufficiale tedesco lo ferma lungo una strada deserta - ma è per cambiare una gomma. Horst si avvicina a un simpatico ma succoso maiale - non lo troverà in nessun libro delle razioni - ma i vicini, alcuni dei quali lavorano per la resistenza locale, identificano l'odore del succulento maiale arrosto come l'odore della collaborazione.

Hrebejk fa un buon lavoro nell'evocare il pericolo nelle attività quotidiane, punteggiando le scene più tese del confronto in una sorta di effetto strobo accelerato, non diversamente dallo sfarfallio dei vecchi film muti, ma il suo più grande successo sono le notevoli sfumature dei suoi personaggi. In 'Divided We Fall', uno dei personaggi più simpatici è un ufficiale tedesco occupante che scende nell'alcolismo dopo che suo figlio è stato ucciso in battaglia. Ricorda che molti tedeschi erano stufi della guerra come tutti gli altri.

Polivka apporta una sorta di amabile qualità ribassista al Josef scioccato socialmente, e Siskova è deliziosa in un modo adeguatamente pixyish come Marie. Ma il personaggio più interessante del film è Horst, perché non sappiamo bene cosa farne. È moralmente discutibile, brutto e opportunista, ma non è affatto malvagio. Non è un caso che pronunci la frase del titolo nel film; interpretato da una sorta di spavalderia fatalista di Dusek, Horst incarna tutta la gamma di emozioni e punti di vista del quartiere. Anche quando collabora pienamente con i nazisti, hai la sensazione che sia consapevole che agli occhi del nemico vale 1/20 di un soldato tedesco ('Un soldato tedesco vale 20 slavi e 100 ebrei', un nazista dice il soldato).

'Divided We Fall' non riguarda solo la guerra sopravvissuta, ma anche la vittoria sopravvissuta.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers