RECENSIONE | Non prendere prigionieri: 'Happy-Go-Lucky' di Mike Leigh

Happy-go-lucky è un termine che sa di anacronismo sia nella dizione che nel significato. Evocativo congiuntamente della volontà-o-il-fiocco e del diavolo-può-preoccuparsi, giostre e giri d'inclinazione, ogni uso attuale del termine di solito implica ironia o condiscendenza. La parola e chiunque potrebbe descrivere, non può probabilmente sopravvivere nel mondo stanco di oggi. Proveniente da un regista che ha messo la sua parte di personaggi attraverso la suoneria della realtà ('Nudo, ''Career Girls, ''Vera Drake“), E a volte (anche se non così spesso come alcuni affermerebbero) è scivolato nella caricatura teatrale, il titolo di Mike LeighL'ultimo film 'Spensierato, 'Sembrerebbe un invito a vedere cadere l'altra scarpa.

Ma da un giro in bicicletta segnato allegramente durante i titoli di coda a una zattera pedale finale attraverso uno stagno del parco, Leigh lascia che la sua eroina possieda il modificatore senza giudizio o contraddizione. Questa convinzione sfida Leigh, il suo protagonista impertinente e il pubblico a prendere la decisione, con ricompense dolci e modeste come un sorriso non provocato, e altrettanto profonde.

casting allison jones

Povero instancabile (Sally Hawkins, dando a mani basse lo spettacolo dell'anno), trenta, single e civettuolo, tutti i colpi e le braccia, gambe lunghe e ghigni sorridenti, vive nel nord di Londra, insegna scuola elementare, feste con le sue amiche e forgia uno strano percorso tortuoso a miglioramento: terapia con trampolino, lezioni di flamenco e lezioni di guida. Immediatamente un bambino troppo cresciuto e l'unico adulto completo nella stanza, l'inesauribile energia verbale e fisica di Poppy spesso evita l'insostenibile prima di ritirarsi in un'empatia rilassante, con gli occhi da piattino.



L'ottimismo e il buon umore sottopongono Poppy a una serie di aspre contrattive, dall'impazienza e condiscendenza al risentimento e alla malvagità, ma non solo persevera, ma cerca sempre di migliorare le cose e le persone. Basta digitare quelle parole che sono sopraffatto dal desiderio di imbavagliarmi con un mestolo, ma in qualche modo Poppy non ha questo effetto; è troppo salata per la santità, troppo consapevole per essere ingannata, troppo orgogliosa, autoprotettiva e mondana per essere un semplice agente di bontà. Il che la rende difficile da scuotere, non importa quanto aggressivamente corteggi il fastidio. Più tempo trascorre con Poppy, con i suoi ritmi e gli stati d'animo finemente modulati, quando è con amici, sconosciuti o da sola, più diventa piena.

Ignorando la convenzione drammatica, Leigh rifiuta di mostrarla come rotta o incompleta, bisognosa di una correzione del corso o di un uomo buono. Casualmente, tranquillamente femminista, 'Happy-Go-Lucky' è la risposta della ragazza della classe operaia Anglo a 'Sex and the City. ”In una sequenza iniziale, Poppy e i suoi amici trentenni si avvicinano con le pinte polpa'Gente comune' nel club, poi inciampare a casa per un berretto da notte. Si accasciano sul divano, sfilano i reggiseni e si prendono il piscio collegialmente, sfogandosi un venerdì sera con una menzione di uomini. Certo, vorrebbero incontrare ragazzi 'in forma', ma non stanno per perdere il fine settimana ad aspettarli. Si schiantano, dormono fino a tardi, poi si fanno un altro brindisi e verdura a letto. Poppy e la sua compagna di stanza Zoe (foglio sensibile Alexis Zegerman), anche insegnante, fa un po 'di lavoro di preparazione per il lunedì (facendo maschere di uccelli dai sacchetti di carta, rincorrendosi a vicenda per la stanza), quindi colpendo di nuovo il pub per un altro giro. Durante uno sfortunato viaggio in periferia, l'incubo di una sorella incinta di Poppy la accusa di solitudine e disaffezione. 'Adoro la mia vita', dice, e non solo ci crediamo, ma abbiamo visto che è vero.

Gli ambigui incontri di Poppy con un istruttore di guida instabile (Eddie Marsan) culmina in una discordia da sbattere le porte, ma la relazione è indicativa dei limiti e dei pericoli della generosità di Poppy (mai ingenua, ma comunque intenzionale) senza mai svilupparsi in un conflitto centrale. La più grande lotta del film potrebbe essere con il suo pubblico. In vari punti di 'Happy-Go-Lucky' siamo invitati a vedere Poppy semplicemente come troppo: il silenzio di un libraio invita un monologo, un bel dottore ignora le avventure mitragliatrici, e persino l'istruttore di guida molto tirato ha un diritto ad un certo stupore. Leigh ha presentato una sfida simile in 'Naked', con Johnny di David Thewlis come il misantropo negativo dell'ottimista di Poppy. Nella nostra era di cupi supereroi e seducenti serial killer, Poppy è ora la vendita più difficile.

stagione 4 grazia e frankie

Furtivo-smart, PJ Harvey- sexy, soprannaturalmente espressiva e con molti passi disarmanti davanti a tutti gli altri, la singolare corposità di Hawkins richiama alla mente nientemeno che la regina dell'ipnotizzante overdrive, Gena Rowlands. Scattata dall'alto, è piatta sulla schiena e si spoglia in un goffo completo di reggiseno rosa, mutandine arancioni e collant neri fioriti; al tocco del chiropratico fa una smorfia e fa una risatina, poi scherza dolcemente per metterlo a proprio agio. È stupida e vulnerabile e spesso dannatamente quasi impossibile da capire, ma è una meraviglia. E se ha o meno la patente, guida sempre.

[Eric Hynes è uno scrittore del personale di Reverse Shot.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers