RECENSIONE: Three’s Company; 'And Your Mom also' ha sesso, stile e politica

RECENSIONE: Three's Company; 'Y Tu Mama Also' ha sesso, stile e politica



di Peter Brunette


[NOTA DELL'EDITORE: Peter Brunette ha recensito “Y Tu Mama Tambien” durante il Toronto Film Festival del 2001. Oggi è stata rilasciata la funzione IFC Films.]

(indieWIRE / 09.13.01) - Finalmente è qui - un film più lento con intelligenza, analisi sociale e reale morso politico. Alfonso Cuaron'Ridicolmente divertente, ma artisticamente ambizioso'E anche tua madre, 'Un film messicano proiettato nella sezione Contemporary World Cinema del Festival Internazionale del Film di Toronto, è una delizia dall'inizio alla fine. Anche quando va oltre - il che è spesso - i suoi eccessi sono una funzione di un'esuberanza giovanile perdonabile piuttosto che un calcolo commerciale, che è più spesso il caso. E a quei cineasti spettatori non particolarmente interessati al commento sociopolitico di tendenza, lasciatemi dire questo: è anche uno dei pochi film veramente sexy che ho visto negli anni.

Luglio (Gael Garcia Bernal, il superbo giovane attore di 'Ama i cani“) E Tenoch (Diego Luna, che più che detiene il proprio qui) sono i migliori amici. Sebbene i recenti diplomati delle scuole superiori provengano da classi diverse (Tenoch è il rampollo di una famiglia ricca e potente, e Julio è di classe medio-bassa, con una sorella collegata ai guerriglieri del Chiapas), si divertono insieme a fumare erba, scoreggiare, masturbarsi e scopare. Ad un elegante ricevimento di matrimonio al quale ha partecipato il presidente del Messico, si imbattono in una cugina di 28 anni di Luisa di Tenoch (Maribel Verdu), che viene dalla Spagna. A metà scherzo, la invitano a venire con loro in cerca di una spiaggia perfetta, forse mitica, chiamata 'Heaven's Mouth', Ma lei rifiuta. Quando il marito ubriaco chiama una notte per confessare la sua infedeltà coniugale, tuttavia, in un impeto di pietà, all'improvviso cambia idea. Con questa decisione inizia un viaggio che, nel classico stile dei road movie, cambierà per sempre la loro vita.

I due ragazzi sono osceni motormouth, e il loro frenetico, irresponsabile spavalderio viene lasciato andare da Luisa, che li interroga da vicino sulle loro relazioni sessuali con le loro amiche. Abbastanza rapidamente, il desiderio alza la sua testa prevedibile, la pace e la tranquillità del trio è disturbata e l'amicizia dei ragazzi è profondamente minacciata.

Il film è assolutamente divertente, se non particolarmente rivoluzionario, su questo livello semplice di road movie più lento. E il sesso è davvero sexy; andando un po 'più lontano del solito, Cuaron lo fa sentire nuovo e potente. I giovani partecipanti vi gettano il loro io inesperto con tale gusto, e gli attori che li incarnano sono così freschi e animati che non possiamo fare a meno di divertirci. C'è anche almeno una scena in cui la femmina guarda e comanda il maschio nudo e vulnerabile in un modo che farà esplodere il cuore dei teorici del cinema femminista. Un'altra salutare differenza rispetto al road movie di serie è che la campagna attraverso cui si muovono i tre è contrassegnata da espressioni colorate e autentiche della cultura messicana, come quando vengono fermati dagli abitanti del villaggio che chiedono una donazione per onorare la regina del villaggio, che loro culla, vestita con un abito bianco, tra le braccia.

Ma sebbene Cuaron abbia avuto una grande esperienza nella realizzazione di film che dovrebbero attrarre il gusto americano tradizionale (ha diretto il sottovalutatoUna piccola principessa' e 'grandi aspettative“), Non è interessato a questo qui. E sebbene dipenda fortemente da convenzioni generiche, rifiuta di esserne limitato. Il modo principale in cui si libera è attraverso l'uso di un narratore arido e ironico che, a voce non vista, commenta tutto ciò che è visto o non visto, pensato o non pensato, ma che non viene mai verbalizzato dai personaggi. Gli studenti di cinema apprendono (e, senza pensarci, i critici cinematografici ripetono, come un mantra) che non si deve mai usare una voce fuori campo in un film, perché ciò significa che non si è riusciti a raccontare la storia visivamente e drammaticamente.

Qui, tuttavia, il narratore raro di Cuaron commenta il destino dei poveri che sono venuti in questo modo prima, per esempio, per essere uccisi da un'auto o sui pensieri inespressi di Tenoch quando attraversa il villaggio della sua tata contadina. Altre volte, il voiceover rivela il destino futuro dei vari partecipanti, svolgendo così una funzione non dissimile da quella dei meravigliosi flash forward che erano la cosa migliore in 'Corri, Lola, corri. '

In 'Y Tu Mama Tambien', queste ruminazioni ossessionanti di solito servono uno scopo politico in quanto indicano disuguaglianze nella società messicana (anche se in un modo che non è affatto pesante), o sgonfiano illusioni ottimistiche (ad esempio, che il recente elezione del presidente Vicente Fox cambierà davvero qualcosa in quel paese). A un livello puramente pratico, il narratore sobrio attenua anche la frenesia più fiacca di questi due ragazzi che altrimenti diventerebbero rapidamente troppo. La narrazione parlata è anche accompagnata da movimenti occasionali e non convenzionali della telecamera in cui, ad esempio, la telecamera si allontana dalla messa a fuoco narrativa putativa, dal matrimonio costoso, per seguire le azioni di autisti, cameriere e simili, su cui la vita di i ricchi dipendono.

Ma non è necessario prendere troppo sul serio tutto questo. 'Y Tu Mama Tambien' ha successo su così tanti livelli che, fortunatamente, puoi prendere la tua scelta.

[Peter Brunette, che contribuisce frequentemente al Boston Globe, è al lavoro su un libro su Wong Kar-wai.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers