Scrittore / regista di “Shades of Ray” Jaffar Mahmood (intervista + clip esclusiva)

In 'Shades of Ray' di Jaffar Mahmood, Ray Rehman, nato in America, torna a casa una notte e trova il padre pakistano a due passi. La madre caucasica di Ray lo buttò fuori. È un momento imbarazzante per suo padre trasferirsi mentre Ray ha appena proposto alla sua ragazza caucasica, che non gli ha dato una risposta. Mentre cerca di riunire i suoi genitori, Ray incontra una ragazza dell'Asia meridionale di origine mista, proprio come lui, e deve decidere dove si trova veramente la sua identità. Il film, che ha ricevuto il Premio del Pubblico al South Asian International Film Festival del 2008, è stato distribuito esclusivamente su Amazon VOD (disponibile qui). Indiewire offre la nostra clip esclusiva del film qui sotto, insieme a un'intervista con il regista Mahmood.

la stagione del ritorno 3

Per favore presentati.

Sono nato e cresciuto a Toms River, NJ. È una città costiera piuttosto tranquilla che non urla esattamente a Hollywood, ma io ero il ragazzo al liceo in cui sei venuto quando avevi bisogno di una discussione stabilita su chi ha recitato in quale film — stiamo parlando dei giorni pre-IMDB, quindi In realtà avevo un valore. Sono cresciuto con una dose costante di commedie di 80 anni come 'Three Amigos', 'rdquo; “; In arrivo in America ”; e “; Spie come noi. ”; Quei tipi di film sono stati la mia infanzia. Ho letteralmente comprato il mio primo paio di jeans blu quando avevo 7 anni perché volevo essere Marty McFly in 'Ritorno al futuro'. Sono venuto a Los Angeles volendo essere il prossimo Jerry Bruckheimer fino a quando non ho messo le mani su una macchina fotografica. Nel momento in cui sono stato in grado di girare le mie piccole storie, mi sono appassionato. La regia era dove era per me.



Per favore, spiega come è nata l'idea di 'Shades of Ray'.

È stato generato da un'intervista che ho visto con John Singleton. Stava parlando della sua esperienza con Boyz n the Hood, ”; come la ragione per cui ha avuto la possibilità di dirigere quel film è perché ha scritto una storia che solo lui poteva raccontare. Ne sono stato ispirato e mi sono concentrato su un aspetto della mia vita che pensavo fosse unico: mio padre è pakistano e mia madre non è così etnicamente diversificata nel New Hampshire. Sono cresciuto in una famiglia multi-razziale e multi-religiosa. Appassionato di storie ispirate ai personaggi che esaminano le relazioni familiari e romantiche, ho pensato che ci fosse qualcosa di interessante nell'esplorazione dei problemi di un protagonista bi-razziale che tenta di dare un senso alla sua vita mentre cerca di compiacere i suoi genitori prepotenti.

Per favore, approfondisci un po 'il tuo approccio alla realizzazione del film.

Da adulto, i miei gusti si adattavano allo stile di Billy Wilder e Woody Allen, ma il tocco di John Landis era ancora nelle mie ossa. Quando si trattava di trovare il tono della sceneggiatura, volevo davvero che i personaggi vivessero emozioni e angoscia vere, ma volevo comunque divertirmi e non essere mai troppo pesante. Scegliere attori simpatici e affabili è stato il primo passo per raggiungere questo obiettivo. Sono stato davvero benedetto dal cast che ho ottenuto, soprattutto considerando che è stato il mio primo lungometraggio.

fine della scoperta di Star Trek

Mentre l'obiettivo numero uno che avevo era semplicemente provare a fare un film divertente e divertente, c'era sicuramente un interesse di fondo a distruggere lo stereotipo che un personaggio pakistano o musulmano in un film occidentale deve essere il cattivo o il piccione come il tassista o il proprietario dell'7-11. Perché un personaggio mezzo pakistano non può avere gli stessi problemi che Ben Stiller ha in una delle sue commedie? Spero davvero che il successo di Slumdog Millionaire ”; farà finalmente Hollywood iniziare a muoversi di più in quella direzione.

Quali sono state alcune delle maggiori sfide che hai dovuto affrontare nello sviluppo del progetto?

Inizialmente, ho pensato che il budget ideale sarebbe stato di circa $ 1 milione, dato che la sceneggiatura non ha avuto un grosso inseguimento in auto o alcun tipo di effetti speciali. È stato poi, tuttavia, che ho riscontrato il problema di ottenere finanziamenti per realizzare il film. C'erano due diverse società di produzione che dicevano di amare la sceneggiatura ma che sarebbero interessate a finanziare solo se cambiassi l'etnia di Ray in mezzo afroamericano o mezzo latino. Gli asiatici del sud non sono una comprovata demografia del cinema è ciò che mi è stato detto, quindi le compagnie non volevano finanziare un film per un mercato così di nicchia. Pensavo al finanziamento che avrebbero potuto portare al tavolo, ma sapevo che non sarebbe più stata la mia storia se avessi cambiato etnia. Così, sono andato via e ho messo il mio AMF nella produzione per lavorare. Ho creato un business plan e insieme alle copie del mio cortometraggio 'Eastern Son', 'rdquo; avvicinato investitori privati. Alla fine ho raccolto circa la metà del mio obiettivo originale da 38 singoli investitori e sono riuscito a realizzare il film che volevo alle mie condizioni senza alcuna concessione.

Con l'economia come è in questo momento, nessun distributore teatrale è disposto a rischiare un'indie a meno che non sia di un regista collaudato o protagonista di Brad Pitt. Quindi, invece di aspettare per quanto tempo ci vorrà perché i distributori teatrali corrano di nuovo dei rischi, abbiamo colto l'occasione per distribuire il film su Amazon VOD. Il film è appena salito sul sito e stiamo già ottenendo un sacco di successi e risposte positive. Stiamo ancora suonando ai festival cinematografici, ma ora chiunque negli Stati Uniti può scaricare e vedere il film su Amazon VOD a proprio piacimento. Questa è stata un'opzione davvero interessante per me data l'immediatezza e la facilità di accesso del consumatore al film. Non c'è dubbio, questo è il futuro della distribuzione cinematografica. Penso che sia solo questione di tempo prima che il DVD sia morto.

Come si sono uniti il ​​casting per il film?

Avevo un meraviglioso direttore del casting, Jamie Rudofsky (che all'epoca era il direttore del casting per la 'Gilmore Girls'). Ha portato molti grandi attori alla mia attenzione insieme al nostro produttore esecutivo, Jake Kasdan. Il coinvolgimento di Jake in questo film è stato una manna dal cielo. Ha immediatamente legittimato il progetto e ha attirato l'attenzione di attori reali. Abbiamo finito con un cast da sogno. Il film è interpretato da: Zachary Levi (NBC 'Chuck', Chuck '), Sarah Shahi (NBC' Life ',' Bonnie Somerville ('Friends'), Fran Kranz (Fox ', Doll). Kathy Baker (“; Picket Fences ”;), e Brian George (“; Seinfeld ”;).

Quali altri generi o storie vorrebbero esplorare come cineasta? Qual è il tuo prossimo progetto?

Ho sempre intenzione di gravitare sui personaggi rispetto al genere. Ho appena finito una sceneggiatura per Outlaw Productions. È una commedia adolescenziale delle superiori ambientata nell'odierna Lahore su un ragazzo pakistano di sedici anni che cerca di organizzare una festa in casa per stupire la ragazza dei suoi sogni. È un film divertente e spensierato che è stato scritto principalmente per il pubblico occidentale nel tentativo di dimostrare che cose innocenti e belle stanno ancora accadendo in quella parte del mondo.

regina del film sud

Ci sono altri aspetti del cinema che vorresti ancora esplorare?

Sono molto interessato alla televisione oltre al cinema. Ho scritto una manciata di piloti originali. Essere un corridore e / o regista di una serie un giorno è certamente qualcosa che mi piacerebbe molto ottenere.

Qual è la tua definizione di film indipendente, ”; e questo è cambiato da quando hai iniziato a lavorare?

La mia definizione di “; film indipendente ”; è un film che viene prodotto e finanziato al di fuori del sistema di studio di Hollywood. Non posso mentire sul fatto che mi irrita quando film come 'Burn After Reading' sono etichettati come film indipendenti da alcuni. Veramente? Prova a chiedere a 38 persone individuali di essere investitori nel tuo film dopo che ogni compagnia ti ha sbattuto la porta in faccia - è indipendente.

trailer di Sweet Virginia

Che consiglio daresti ai registi emergenti?

Se vuoi diventare un regista, devi anche essere uno scrittore. Inizialmente i due vanno di pari passo. Nessuno si avvicina a un cortometraggio e dice: 'Ho questa fantastica sceneggiatura per te, la dirigerai?' Devi creare il tuo materiale. Quindi inizia a scrivere. Qualsiasi storia che ti ecciti. E poi un altro e un altro. Più lo fai e meglio ci riuscirai. Metti le mani su una videocamera mini-dv e inizia a scattare cortometraggi che puoi pubblicare su YouTube. Oggi i giovani cineasti hanno una grande opportunità per portare il loro lavoro là fuori.

Per favore, condividi un risultato della tua carriera finora di cui sei più orgoglioso.

Penso che dovrebbe essere la proiezione del cast / della troupe di “; Shades of Ray. ”; Ci sono voluti quattro anni dalla sceneggiatura allo schermo. E avevo lavorato per arrivare a quel momento per sei anni prima. I miei genitori erano alla proiezione. Grazie a Dio sono sempre stati di supporto. Ma, per la prima volta da quando mi ero trasferito a Los Angeles, potevo vedere dalle loro facce che forse non stavo perdendo tempo a inseguire un sogno irraggiungibile.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers