Piccolo cambiamento: 'Saving Face' di Alice Wu

grazia e frankie roy

Piccolo cambiamento: 'Saving Face' di Alice Wu



Di Kristi Mitsuda con una risposta di Elbert Ventura

Michelle Krusiec (a sinistra) e Lynn Chen (a destra) in 'Saving Face' di Alice Wu. Foto di Larry Riley.

[Le recensioni settimanali di indieWIRE sono scritte dalla critica di Reverse Shot. ]

Ad un certo punto durante Alice WuLa drammaticità etnica, 'Salvare la faccia' Ma, interpretato da Joan Chen, sfoglia titoli come 'L'ultimo imperatore' (un cenno d'intesa alla svolta americana dell'attrice) e 'Il Joy Luck Club' durante la navigazione nella sezione 'Cina' di un negozio di video. Per un breve momento brillante - poiché questa sequenza, con la sua videocamera portatile che si avvicina ad un punto di vista esplicito, si rompe con lo schema visivo abbastanza classico che il film ha stabilito - pensi che il regista sia sull'orlo di una accusa minacciosa sul scarsità di rappresentazioni di qualità degli asiatici nel cinema americano o almeno un tacito riconoscimento del fatto che la sua appartiene a un breve elenco di film tradizionali che trattano in modo specifico di personaggi e temi asiatico-americani. Ma Wu non possiede tale consapevolezza di sé e la padella si interrompe bruscamente con una semplice battuta finale: Ma dall'aspetto mansueto, affascinata dal porno.

Questa configurazione e questo payoff sono, purtroppo, emblematici di un film che si svela con una sensibilità da sitcom, sacrificando sostanza per risate a buon mercato e tassando la pazienza del pubblico per un tempo di esecuzione relativamente breve di 91 minuti. Con un nome come 'Saving Face' e uno scatto di apertura che cattura il protagonista in una maschera (va bene, un viso di fango), non è difficile spigolare dove sta andando. La vedova Ma, ostracizzata dalla sua comunità dopo essere rimasta incinta e si rifiuta di nominare il padre, si trasferisce con sua figlia Wil (Michelle Krusiec), proprio mentre quest'ultimo inizia una relazione con una bellissima ballerina di nome Vivian (una persona in bilico Lynn Chen). In questo racconto della maturità parallela, la soluzione ai dilemmi di madre e figlia si basa sul fatto che ciascuno possiede i desideri 'trasgressivi' di fronte alle aspettative culturali. Ma senza alcuna ingegnosità per rinfrescare i trop stanchi, i momenti necessari di cui sono composti tali film - il riconoscimento 'Ma, sei così bello', una corsa all'ultimo minuto in aeroporto, il simbolico ripudio pubblico dei pregiudizi tradizionali - cadono piatti.

danny forte impero

La situazione particolare degli immigrati di seconda generazione, mentre tentano di navigare nel territorio difficile e non mappato tra il vecchio e il nuovo mondo - qui incapsulati dall'enclave cinese di Flushing, Queens e dalla diversità onnicomprensiva di Manhattan - ha iniziato a generare un sottogenere a sé stante (di cui “Il mio grande matrimonio greco grasso” e 'Sognando Beckham' sono gli esempi più ovvi). Ma piuttosto che esaminare le fratture interculturali intergenerazionali in modo reale, queste storie si scambiano su stranezze etiosincratiche di etnia che, il più delle volte, servono solo a stereotipare ulteriormente qualunque gruppo razziale a portata di mano. Invece di estrapolare i cliché e illustrare le loro basi nella realtà e allo stesso tempo portare a un livello più profondo di sfumature, tali tentativi di scontro culturale prendono la via d'uscita caricando mentre apparentemente umanizzano. È così che la festosa famiglia greca, i genitori isterici indiani e il pettegolezzo, i 'biddies cinesi' che fanno matchmaking sono tutti assorbiti sotto lo stendardo di 'accattivante baldoria', questo essere così carino come ideologicamente sospetto come altre rappresentazioni.

Joan Chen in 'Saving Face' di Alice Wu. Foto di Larry Riley.

Né i personaggi centrali leggermente abbozzati di 'Saving Face' offrono alternative realmente viventi e respiranti agli Altri cartoonizzati presentati. Dal primo bacio all'incontro con i genitori, la storia d'amore di Wil e Vivian è così gravemente carente di delineazione dettagliata che è impossibile sentire con urgenza la loro situazione o, in effetti, prendersi cura di loro come persone. E mentre la relazione lesbica porta con sé il potenziale di scuotere le tipiche configurazioni asiatico-americane, purtroppo, lo stile cinematografico della cineasta si abbina troppo strettamente alla personalità del suo personaggio principale: esitante, timido, privo del coraggio delle sue convinzioni. Il desiderio di Wu di un mondo più inclusivo - bianco e nero e asiatico, gay e etero, giovane e vecchio - per quanto ammirevole sia, è ammutolito nell'imbarazzo così comune ai tentativi di regia verginali. Il fatto che il debutto semi-autobiografico sia stato segnato segna l'uscita personale di Wu nella sua comunità cinese-americana rende il film un po 'liberatorio; ma a parte questa conoscenza extratestuale, 'Saving Face' fa ben poco per promuovere rappresentazioni più dimensionali delle minoranze nel sorprendentemente non-melting pot di Hollywood.

Un onere della rappresentazione ricade pesantemente sulle spalle di coloro per i quali i ritratti sono rari; ogni voce porta con sé un significato sociale sproporzionatamente elevato. Perché così pochi e lontani tra loro, desidero abbracciare ogni aggiunta al canone deprimente del cinema asiatico-americano, per essere in grado di proclamare ognuno degno del prezzo di ingresso in modo che il ka-ching delle campane al botteghino attirare gli altri per uno sguardo più attento; solo la promessa di ricchezza apre la strada a Hollywood (anche se forse sto erroneamente fondendo la qualità con il successo), le pari opportunità sono dannate. Ma una mediocrità come questa fa male solo alle prospettive future, la sua sostituzione di banalità semplicistiche per la complessità rende la causa un terribile disservizio.

[Kristi Mitsuda è un collaboratore frequente di Reverse Shot e mantiene il blog artflickchick. ]


Prendi 2
Di Elbert Ventura

A circa un terzo di 'Saving Face', una donna di mezza età cinese-americana si dirige verso un negozio di video e dice all'impiegato, 'la Cina'. Indica goffamente uno scaffale, dove la telecamera fa una panoramica del prevedibilmente scarno scelte - 'L'ultimo imperatore', 'The Joy Luck Club' - prima che i titoli lasciano il posto alla vivace sezione porno. Forse troppo sul pulsante, la scena è comunque un tocco ironico che registra la negligenza del mainstream americano sull'esperienza asiatica, per non parlare di un'audace dichiarazione di ambizione del regista Alice Wu.

e apostolo Stevens

'La faccia salvifica' di Alice Wu. Foto di Larry Riley.

Invece di cercare di compensare anni di assenza con un grande gesto, Wu elude l'iperbole riducendo il suo film al livello dell'esperienza vissuta. “Saving Face” è ambientato nella comunità cinese-americana di New York City, il cui epicentro è Flushing. Un docente capace e sincero, Wu ci guida attraverso il terreno culturale ed emotivo del film senza soccombere all'allattamento al cucchiaio dopo la scuola. Momenti semplicemente osservati, come il sapiente scherzo dei bambini cresciuti creati dai loro genitori ignari, o il blando razzismo anti-nero degli asiatici di vecchia generazione, danno al film un'intimità tonificante. Nel frattempo, la rappresentazione disinvolta di una storia d'amore lesbica sinceramente sexy tra due asiatici-americani sembra una dichiarazione di sfida contro la castrazione delle minoranze sugli schermi americani.

Wu si sarebbe attaccato alle sue pistole nel creare la sua narrativa. 'Saving Face' capitola alla convenzione nel risolvere le sue storie d'amore parallele. Il film si trasforma in Nora Ephron-Garry Marshall territorio, pieno di una misteriosa lettera d'amore, un matrimonio pieno di farsa e un climax dell'aeroporto. Alla fine, gli esseri umani diventano semplici personaggi del film. Ma se “Saving Face” alla fine delude, è una delusione salata dalla promessa. Dal suo feeling perfetto per le debolezze della gente al calore agitato della sua New York (direttore della fotografia Harlan Bosmajian merita una menzione speciale), il film è pieno di abbastanza virtù e note di grazia da rendere Wu un regista degno di essere visto.

[Elbert Ventura è un collaboratore frequente di Reverse Shot e della New Republic Online. ]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers