Sundance Review: Bollywood Film, con 'Umrika' con Suraj Sharma e Tony Revolori

Prashant Nair’; s “;Umrika”; non è il tuo tipico film di Bollywood. Vale a dire, non si tratta di matrimonio o romanticismo proibito, e non è una commedia musicale o d'azione creata con l'unico scopo di intrattenimento. Ma riguarda la famiglia, la pietra angolare di tanti film di Bollywood. È un argomento abbastanza universale e, se combinato con una narrazione intensa, rompe ogni barriera culturale a cui si possa pensare. Un ottimo esempio di questo è l'anno scorso 's “;The Lunchbox,”; o qualsiasi Satyajit ray film. Per quanto riguarda “; Umrika ”; Va, tuttavia, è più un caso del perché alcuni film di Bollywood potrebbero perdersi nella traduzione per un pubblico internazionale e non riuscire a generare molta eccitazione, indipendentemente da alcuni volti familiari.

La premessa è promettente, e gli scatti di apertura di Nair fanno un lavoro fantastico nel cullare lo spettatore verso di esso. Un miscuglio morbido e morbido, suonato su quello che sembra uno strumento tradizionale indiano, fa scivolare la telecamera verso il piccolo villaggio di Jitvapur, come una piuma che luccica dolcemente in aria. Nair chiama il pubblico sempre più vicino, finché non vediamo una festa d'addio in corso. Una madre, un figlio e un fratellino vedono Udai (Prateik il Grande), che andrà in America, o 'Umrika', come è pronunciato nel dialetto locale e rimane parlato e scritto in tutto il film. Gli ingredienti da fiaba sono lì per la degustazione: le aspirazioni all'estero di Udai trasformano l'intero villaggio in una frenesia di orgoglio e pettegolezzi, e si assicura di dire al suo fratellino, Ramakant, che, in Umrika, tutto è possibile. ; Una volta che arrivano le sue lettere e regali, con immagini di monumenti americani (Statua della Libertà, ecc.), Il villaggio diventa ossessionato dalla versione idealizzata degli Stati Uniti.

Gli anni passano e Ramakant cresce in un giovane adolescente (interpretato da Suraj Sharma), orgoglioso di suo fratello maggiore e alla ricerca di sua madre e suo padre. Sua madre (Smita tambe) si agita e si preoccupa per le tipiche preoccupazioni materne: principalmente, se Udai sta mangiando nel modo giusto e mantenendosi in salute. Ramakant esce con il suo migliore amico d'infanzia, Lalu (Tony Revolori) e gestisce la sua pubertà con maniere discrete. Quando suo padre subisce un incidente fatale, tuttavia, il benessere di sua madre diventa una priorità ancora maggiore e la mancanza di presenza di Udai mentre il fratello maggiore si sente con fitte tradizionaliste. Quando Ramakant scopre che l'ubicazione di Udai è sconosciuta e che il suo defunto padre ha fabbricato tutte quelle lettere, si impegna a cercarlo, mantenendo sua madre in beata ignoranza.



A questo punto, “; Umrika ”; deraglia in una fiaba quasi adulta che si sbriciola sotto la sua stessa assenza di gravità e alla fine tiene ben poco interesse. Dove forse un altro regista avrebbe scelto di trasformare la fondazione di cui sopra in un caso sospetto di mistero fraterno, Nair si concentra sull'assimilazione di Ramakant in una città più grande. I fili narrativi sono intessuti al punto da diventare una palla aggrovigliata, che potrebbe meritare di districare se non fosse per l'inevitabile mal di testa che dovresti lasciare. Ramakant continua a raddoppiare come Udai e a inviare lettere a sua madre, solo per dimenticare di scrivere una delle sue. L'addio sincero tra Ramakant e Lalu viene scartato e dimenticato dopo che quest'ultimo si ripresenta per nessun motivo apparente diverso da un economico 'non puoi avere tutto il divertimento'. rivendicazione. Questi momenti, e anche molti altri, rendono vuota l'intera storia, il che porta a una realizzazione tristemente sottoscritta e anti-climatica di ciò che è accaduto a Udai (in effetti, Udai non è che un cattivo lavoro di rintracciamento di un personaggio simile).

Il successo del film dipende dai volti familiari dei suoi due attori principali, principalmente Sharma. Il “;Vita di Pi”; il breakout ha avuto un grande face-time televisivo l'anno scorso, giocando un ruolo centrale nella frenetica quarta stagione di “;Patria, ”; ma questo è il suo grande debutto a Bollywood. Sharma ha il tipo di look da star del cinema e di carisma cinematografico che lo porterà in luoghi, purché nutra i suoi talenti di recitazione insieme a loro, e mentre 'Umrika' rdquo; dimostra che ha tutto quanto sopra, la storia sottosviluppata di Nair non gli rende giustizia. L'altro volto familiare è Revolori, che è scoppiato lo scorso anno '.'Il Grand Budapest Hotel. ”; Ora ha molti occhi su di lui, ma questi stessi occhi rotolano rapidamente o si distolgono dopo averlo visto svolgere un ruolo così riempitivo come questo. Petra Korner’; s cinematografia e Dustin O 'HalloranLe composizioni di 'sono abbastanza competenti da mantenere lo spettatore investito in' Umrika '. in quanto non abbandonare l'intera faccenda, ma si sente che entrambi hanno fatto un lavoro migliore altrove (O soprattutto Halloran, poiché è dietro la musica molto più modesta di Amazon’; s “;Trasparente”;).

Forse i flussi e riflussi della narrazione in “; Umrika ”; sono più in linea con le aspettative del pubblico locale, anche se dubito che capirò cosa fa il montaggio di Ramakant che consegna pasticcini per il punto della storia, anche se qualcuno si è preso il tempo di spiegarlo. L'importanza di collocare la storia negli anni '80, e richiamare l'attenzione su di essa attraverso la perdita del nome e eventi importanti, è forse un modo consapevole di distanziare la sua storia dall'attuale e leggermente più instabile visione dell'America. Sebbene sia comprensibile, ciò non spiega la distanza creata tra il pubblico e i personaggi, che a sua volta provoca una spaccatura in ogni messaggio che Nair aveva sull'utopia del sogno americano. Senza significato sostanziale ed eventi interessanti, e una manciata di personaggi sottoscritti e decisioni senza incidenti, 'Umrika' rdquo; è in definitiva una storia non sequitur che, nella peggiore delle ipotesi, non ha alcun peso e, nella migliore delle ipotesi, ha poco senso per qualcuno nato al di fuori dei valori e delle tradizioni indiane. [C]

Sfoglia tutta la nostra copertura del Sundance Film Festival 2015 facendo clic qui.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers