Affrontare un classico: Joe Wright su 'Pride and Prejudice'

Quindi chi è questo Joe Wright, Comunque? Una cosa è certa: il regista del caldo film britannico 'Orgoglio e pregiudizio'Non si presenta altrettanto Jane Austen: classe operaia / accento di Cockney, capelli lisci raccolti sotto un berretto, bell'aspetto punk. Sostiene di essere dislessico da bambino e ha 'molto da recuperare'. Quando gli è stata inviata la sceneggiatura di 'Pride', non ha mai letto il romanzo. Non aveva mai girato un film.

Wright, 33 anni, proviene dal mondo della televisione britannica, dove ha diretto diverse miniserie, tra cui 'Carlo II'E il realista sociale'Danno fisico' con Timothy Spall. Concesso, Brit Telly è piuttosto di fascia alta, e 'Charles II' ha rapito un BAFTA (cugino del nostro Premi Oscar). Eppure è una sorpresa Titolo di lavoro ha scommesso su un regista privo di credenziali intellettuali / illuminate o di un track record di funzionalità per questo adattamento sul grande schermo. (E altrettanto sorprendente che nessuno era stato fatto da MGM Greer Waiter-Laurence Olivier protagonista, sebbene nel 1995 sia apparsa una miniserie televisiva memorabile Colin Firth e Jennifer Ehle.)



A giudicare dalle reazioni alla Toronto di quest'anno, tuttavia, Wright si è rivelata una scelta ispirata. La sua interpretazione di questo racconto della Reggenza di donne volenterose in una società legata alla casta fonde una spazzata romantica con dettagli d'epoca. Con le sue sontuose visuali, i suoi complessi impertinenti e una svolta da star Keira Knightley come l'eroina Elizabeth Bennet, “Pride” trasuda l'esuberanza giovanile di un'autrice che ha scritto il suo romanzo a 21 anni.

La famiglia Bennet ha cinque figlie da sposare. Quindi quando i Mister Darcy (Matthew MacFadyen) e Bingley (Simon Wood) si stabiliscono nelle vicinanze, l'inseguimento sta nel fatto che è 'universalmente riconosciuto che un solo uomo in possesso di una buona fortuna deve avere bisogno di una moglie'. La signora B (una perennemente arrossata Brenda Blethyn) afferra istericamente ogni prospettiva matrimoniale, dal momento che una legge arcana che deprime la proprietà della famiglia a un cugino di sesso maschile (Tom Hollander in un inestimabile cammeo) potrebbe far atterrare la sua nidiata in una miseria.

L'aristocratico di Uppity Darcy è prevenuto contro il minore status sociale di Bennet (hanno un parente in commercio) mentre l'orgoglio di Lizzie è intaccato quando a una palla ascolta Darcy dissentire il suo aspetto (è un merito alla svolta assicurata di Knightley che il suo giudizio non fa scattare le risate ). In questo modello per romcom, l'attrazione ostile della coppia di buon umore culmina, dopo molte inversioni, in una felice unione. Lizzie, si potrebbe dire, si sposa. Parallelamente al materiale sullo schermo, secondo quanto riferito Wright è stato coinvolto, dopo le riprese, dall'aspetto patrizio Rosamund Pike, che interpreta la sorella più anziana di Lizzie Jane. Mentre il diamante grezzo Wright non è mai arrivato all'università, Pike suona il piano e il violoncello, parla francese e tedesco e si è laureato con lode a Oxford. Vita che imita l'arte.

indieWIRE si è seduto con il regista (che stava combattendo un raffreddore) a colazione nel trendy 60 Thompson Street hotel per discutere di ciò che ha plasmato la sua versione aggiornata del classico di Austen.

Indiewire: 'Pride and Prejudice' non è una lettura obbligatoria per l'inglese?

Joe Wright: Credo di si. Ma dal momento che sono dislessico, non ho letto nessun libro quando stavo crescendo. E poi quando ho iniziato a leggere, stavo leggendo una specie di uh [impercettibile] illuminato, come Milan Kundera.

iW: Si chiama letteratura in fondo?

JW: Non moderno. [Nel mio microfono]: letteratura moderna, che non abita in fondo come una carpa. Quindi no, non avevo mai letto nessun Austen e poi sono andato a leggere il libro. E ne sono rimasto davvero colpito - mi è sembrato il primo pezzo di realismo britannico. Sembrava così accuratamente osservato, così accuratamente disegnato. E anche molto vero. E in realtà scoprire questa cosa che parlava così direttamente all'esperienza umana. Quindi a quel punto ho avuto alcune idee su come realizzare il film. E una volta che quelle idee mi hanno messo gli artigli, ho trovato molto difficile sfuggirle e volevo davvero vederle realizzate.

iW: Parlami della tua educazione.

dr manhattan nudo

JW: Ho frequentato una scuola completa nel nord di Londra e sono partito senza alcun titolo [diploma]. E la sera stavo facendo pezzi di recitazione e improvvisazione in un club di recitazione. Poi ho scoperto che non avevi bisogno di qualifiche per frequentare la scuola d'arte, ma solo un lavoro. Avevo i miei quadri e i miei film Super 8, quindi ho fatto domanda e sono stato accettato di fare belle arti e film.

iW: Come hai seguito la regia?

JW: L'anno scorso ho ottenuto una borsa di studio per realizzare un cortometraggio per la BBC che ha ottenuto alcuni premi. Quindi un produttore della BBC ha detto: che ne dici di fare la TV? E mi ha dato la sceneggiatura di 'Un ragazzo al naturale'. Poi mi hanno offerto' Carlo II ', molto diverso da' Orgoglio e pregiudizio '. Era abbastanza violento, con un sacco di sesso. Charles era famoso per essere estremamente promiscuo. È stato tutto girato in studio - una specie di 'West Wing' intorno al 1600. Immagino di essere stato molto fortunato.

iW: Stai dicendo che il tuo successo è dovuto alla fortuna?

JW: Sì, ho lavorato sodo, ma sono stato fortunato a vedere le persone giuste vedere il mio lavoro.

iW: Come sei stato scelto per dirigere 'Pride and Prejudice' con il suo cast di grandi nomi?

JW: Non lo so, davvero. Sono entrato e ho fatto un'intervista e ho detto loro le mie idee. E mi hanno dato il lavoro. E poi l'ho lanciato. Quindi il cast non era attaccato quando sono salito a bordo.

iW: Come hai potuto catturare artisti del calibro di Keira Knightley, Judi Dench, e il resto?

JW: Era solo una buona sceneggiatura. Come me, gli attori sono attratti dalla qualità della sceneggiatura [dal romanziere e scrittore di miniserie Deborah Moggach]. Inizialmente pensavo che Keira fosse probabilmente troppo bella per il ruolo. E quando l'ho incontrata ho scoperto questo tipo trasandato di piccolo personaggio maschiaccio. E ha scoperto che aveva un'intelligenza e un'intelligenza incredibili e una personalità molto forte. Queste qualità mi hanno fatto pensare che non si adattava al tipo di idee preconcette di ciò che una ragazza dovrebbe essere. E questo mi ha fatto pensare che sarebbe stata perfetta per Elizabeth.

iW: La sua Lara nella versione TV di “Dr. Zivago'Sembrava un po 'anemico. Soprattutto dopo Julie Christie.

JW: Penso che Keira sia eccezionale nel 'Pirati'Roba quando suona di fronte Johnny Depp. Sta imparando in pubblico. È molto giovane - 18 anni quando l'abbiamo incontrata per la parte. E si sta sviluppando e imparando agli occhi del pubblico. E a volte è difficile.

iW: Perché filmare questo romanzo ora?

JW: Non c'era una versione cinematografica di 'Pride and Prejudice' da circa 65 anni. Quindi mi è sembrato che fosse tempo di rifare. Inoltre, non lavoro davvero nel contesto di ciò che è stato fatto prima. Alcune idee mi fanno impazzire.

iW: Cosa hai portato alla storia che è nuova?

JW: Nel film degli anni '40, Olivier aveva 40 anni, Garson aveva 30 anni. Per me questo fa beffe della storia. Riguarda i giovani che si innamorano. E ho pensato che scegliere le persone dell'età giusta [come Knightley e MacFadyen] fosse la chiave. Sembra davvero ovvio, ma non era successo a nessuno. Nel libro Elizabeth aveva 20 anni e Darcy 28.

iW: A quei tempi i loro denti sarebbero caduti fuori a 30 anni.

JW: Sì, il signor Bennet avrebbe avuto delle spine di legno per i denti. Se pensi che i denti degli inglesi siano cattivi adesso, allora avresti dovuto vederli.

iW: Una delle cose che ammiravo di più era che il film non assomigliava a Masterpiece Theater. Hai detto che volevi evitare la 'tradizione pittoresca'.

JW: Per cominciare, mi piace il disordine. Penso che il disordine sia bello. Penso che l'ordine sia brutto e quindi questa è solo la mia estetica. Attraverso la mia ricerca ho anche scoperto che la vita era piuttosto sporca in quei giorni. Non era tutto pulito e incontaminato. I Bennet non avevano davvero le finanze per mantenere una casa del genere nell'ordine in cui doveva essere mantenuta. Si sarebbero lavati solo una volta alla settimana. I loro vestiti venivano lavati raramente.

iW: Questo si presenta davvero. Ho avuto la sensazione di sudore, odori e terrosità. Quando Lizzie volteggia sull'altalena nel cortile, puoi quasi sentire l'odore del letame. E quando la signora Bennet arrossiva sempre, sembrava quasi la menopausa. Era nella tua mente?

JW: Uh, forse. Un po.

iW: Quindi fai passare questo maiale e lui ha enormi palle.

JW: Non è qualcosa a cui abbiamo pensato prima di vedere il maiale. Poi, quando abbiamo incontrato il maiale, siamo rimasti incredibilmente colpiti da lui. Sono piuttosto interessato al fatto che una famiglia come i Bennet possederebbe solo femmine di maiale. Assumevano il maiale maschio per entrare e, come lo chiamano, coprire le scrofe, a pagamento. Mi è piaciuto un po 'il parallelismo tra procreazione umana e animale. Volevo un senso degli elementi, di fango e pioggia. Mi è venuto in mente che l'amore è una forza elementale e volevo metterlo nel contesto degli altri elementi. E mi sembrava che se Elizabeth avesse avuto un'esistenza molto legata alla terra, allora la sua aspirazione all'amore romantico sarebbe stata tanto più eroica. Ha i piedi nel fango e sta raggiungendo le stelle. Penso che sia una storia eroica.

iW: Perché eroico?

JW: Si tratta di due persone che hanno l'immaginazione di immaginare un mondo in cui sono in grado di amarsi. Sai, stanno creando una nuova società in un certo senso.

iW: Ci sono parallelismi con questa storia oggi?

JW: Penso che le persone stiano ancora cercando di capirsi e di superare i pregiudizi. E le persone sono ancora, soprattutto, amarsi. E questo è oggi come lo era ieri e lo sarà per altri 200 anni. Parla anche di una giovane donna che sta crescendo. E i giovani devono ancora crescere e conoscere se stessi.

Il regista Joe Wright con l'attrice Keira Knightley sul set del suo film 'Orgoglio e pregiudizio'. Foto per gentile concessione di Focus Features.

iW: Hai dato un pugno allo snobismo di casta nel film '>

iW: La scena iniziale di Steadicam sembra musica, come una danza.

JW: Esattamente. Dario [Capone, compositore della colonna sonora del film] ha scritto un brano musicale prima di girare quella scena. Quindi ho ascoltato la musica in cuffia mentre lo stavamo girando, il che è stato davvero bello. Per atmosfera, solo per me. Mi ha aiutato con quella sensazione di essere una danza.

iW: Ma la lunga inquadratura di Lizzie in piedi sulla scogliera, con i capelli e le gonne che soffiano, non è più 'Wuthering Heights' di Jane Austen?

JW: Austen ha ambientato le sue scene nei salotti e nelle sale frontali delle persone. E volevo portarlo fuori dai salotti. Non è interessante mettere tutto dentro.

iW: Com'è stato il primo giorno sul set?

JW: Terrificante. Ho avuto Judi Dench sulla scena del tavolo da pranzo. Nelle troupe televisive hai circa 70 persone forse. Con questo, quando sono arrivato c'erano oltre 300 persone. È stato uno shock per cominciare. E poi ero molto nervoso nel dirigere Judi, perché è così geniale. E ho capito abbastanza rapidamente che Judi era probabilmente nervoso quanto me. Si innervosisce molto, Judi. Quindi ho visto il mio ruolo di assicurarmi che stesse bene e si prendesse cura di lei, e poi ho smesso di essere così nervoso.

iW: Cosa succede dopo?

JW: Penso di fare un adattamento di un libro intitolato 'Espiazione,' un Ian McEwan romanzo. Lo sai?

iW: L'ho letto almeno due volte.

JW: Yah, è meraviglioso, eh? Non vedo l'ora.

iW: Qual è la fonte della tua fiducia?

JW: Ignoranza. E ingenuo. La vedo solo come una grande storia che vorrei raccontare.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers