Recensione 'Quelli che seguono': un cast onnipotente solleva una storia di fede andata pericolosamente sbagliata

'Quelli che seguono'

1091

Nel 2014, il pastore del Kentucky Jamie Coots è morto dopo essere stato morso da un serpente a sonagli durante un servizio nella sua piccola chiesa di Middlesboro, KY. Era la decima volta che il leader pentecostale era stato morso durante il suo mandato come gestore di serpenti, e l'ultima volta ha rifiutato le cure mediche per un morso velenoso. All'epoca, suo figlio Cody disse all'affiliata locale della CBS: 'Quando è il tuo momento di andare, è solo il tuo tempo di andare'. Tale è la fede che guida il tipo di gestori di serpenti pentecostali che popolano Britt Poulton e Dan Madison Savage ' Quelli che seguono ”, i devoti di Cristo che interpretano la Bibbia di Re Giacomo per incoraggiarli letteralmente a“ prendere i serpenti; e se bevono qualcosa di mortale, non li farà del male. '

Nel profondo degli Appalachi, la pratica pluridecennale continua in una manciata di chiese, luoghi come quello in cui Coots ha ricevuto il suo ultimo morso. Nonostante una premessa apparentemente fatta per derisione secolare, Poulton e Savage trattano la loro ambientazione e personaggi con cura e attenzione. Queste sono persone plasmate e modellate dalla loro fede, un luogo che è sostenuto dalla piccola banda di seguaci che si radunano per adorare e, a volte, tentano la fortuna con una scatola di rettili selvaggi. Se c'è qualcuno da temere, è lo stesso Diavolo, non le persone divine della porta accanto.

Al centro di 'Them That Follow' c'è Mara (Alice Englert), la figlia di un pastore afflitta da una trasgressione che minaccia sia la sua fede che il suo rapporto con suo padre Lemuel (Walton Goggins). Un flashback chiave suggerisce ciò che presto verrà rivelato come il segreto di Mara - un grande, uno tipico - ma Poulton e Savage altrimenti eviterebbero trame giocate quando si tratta di costruire la storia di Mara.

Mara è una vera credente, e 'Them That Follow' non è un film su un giovane di clausura che tenta di liberarsi dei simboli apparentemente di culto della loro fede. Mentre prega fervidamente Dio per rimediare alla sua situazione e regalarle un nuovo e 'cuore pulito', la straordinaria performance di Englert spinge un personaggio apparentemente cliché in nuovi spazi. Non è che lei voglia su, ma non può fare a meno di desiderare di più, un sottaceto che nessuna preghiera può aiutare (tanto quanto crede ferventemente altrimenti).

È circondata da persone altrettanto dedite alla loro fede, con Poulton e Savage che raccolgono un cast di talento che include Kaitlyn Dever nel ruolo del suo migliore amico straziante Dilly e del premio Oscar Olivia Colman come devoto convertito, abile anche ad evitare le aspettative del personaggio. Lewis Pullman, che possiede lo stesso fascino da uomo di suo padre padre Bill, è il fedele congregante che spera di sposare Mara, mentre Thomas Mann è la chiesa che ha abbandonato.

Nonostante la natura costante della loro fede, c'è poca gioia nella comunità. Il direttore della fotografia Brett Jutkiewicz lava il loro mondo con ombre scure, grigi nuvolosi e una tavolozza piatta che telegrafa la disperazione senza essere pesante. Le case sono buie, umide e affollate. Anche le scene all'aperto sono claustrofobiche, con gli alberi che si spingono un po 'troppo vicini. Anche qualcos'altro si sta avvicinando: gli sbirri, che hanno già attraversato la chiesa di Lemuel, e non hanno mai preso in modo gentile il modo pericoloso in cui si esprime per esprimere la sua fede.

I gestori di serpenti credono che un morso provocherà una di queste due cose: la morte (ovviamente, ma questo non è mai un segno nero contro la vittima; ad un certo punto, un parrocchiano morto viene indicato semplicemente come qualcuno che 'non può combattere il veleno' ) o recupero. E se vivi attraverso un morso di serpente, è un segno che la tua fede è così potente che Dio è costretto a guarirti; la tua dedizione è sia la ricompensa che la ragione per uscire dall'altra parte.

Dopo una prima ora a combustione lenta, Poulton e Savage spiegano un climax che riunisce inaspettatamente tutti i pezzi in lotta per Mara. È nervoso e tremolante e i cineasti guadagnano la loro tensione e il danno raccapricciante che ne deriva. (Ci sono molti serpenti.) Tutta quella buona volontà si avvicina al collasso, tuttavia, mentre Poulton e Savage si dirigono verso il finale.

Gli ultimi 10 minuti di “Them That Follow” trasformano alcuni dei personaggi più avvincenti e ben disegnati del film nelle peggiori versioni di se stessi - Pullman, in particolare, è sellato da un cambiamento di cuore e comportamento che induce a un colpo di frusta - con il film subire un destino simile. Invece di attenersi alla incisiva sovversione, opta per le risoluzioni attese che portano a una fine ordinata, ma fanno poco per rispondere a domande persistenti. Alla fine, è una questione di fede, e non sempre risponde.

Grado: B-

1091 rilascia 'Them That Follow' nelle sale di venerdì 2 agosto.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers