Non si tratta di mandare SMS: una storia di film, uomini e violenza

Chad Oulson, il padre di 43 anni di una bambina di 3 anni, è stato ucciso a colpi di pistola da un agente di polizia in pensione di 71 anni dopo una breve discussione a Land O 'Lakes, in Florida, ieri. Anche la moglie di Oulson, che ha gettato il braccio su suo marito nel vano tentativo di proteggerlo, è stata ferita. Questi sono i fatti, come li conosciamo attualmente.

Che la discussione tra Oulson e Curtis Reeves, l'uomo che lo ha ucciso, è iniziata quando Reeves ha chiesto a Oulson di smettere di usare il cellulare durante le anteprime di una proiezione di Sopravvissuto solitario ha portato alcuni sbocchi a descriverlo come 'un argomento sul sms' e il New York Times è arrivato al punto di collegarlo ai rapporti controversi che la catena AMC aveva preso in considerazione l'aggiunta di righe o persino di screening per gli SMS.

Ieri, quando la storia è scoppiata, ho inviato il link su Twitter e alcuni miei colleghi hanno fatto lo stesso, principalmente senza commenti. Ma un certo numero di siti cinematografici, incluso quello che mi impiega, ha raccolto la storia e alcune persone hanno colto l'occasione per dire cose del tipo: 'Forse è il momento di prendere in considerazione la possibilità di inviare SMS nei cinema?' All'Hollywood Altrove, Jeffrey Wells è andato per così dire, Oulson 'ovviamente non meritava di morire per mandare SMS, ma non si può dire che non abbia almeno flirtato con la possibilità di problemi nel farlo.'



A mio modo di vedere, questa non è una storia sui messaggi di testo, e certamente non può essere legata in modo responsabile o sensibile a un dibattito più ampio sull'etichetta del cinema. È una storia di pistole, uomini e violenza.

È vero che la disputa tra Oulson e Reeves apparentemente iniziò a scrivere messaggi: Oulson stava scrivendo messaggi al suo bambino di 3 anni. Reeves gli chiese di fermarsi. Oulson ha rifiutato. Reeves lasciò il teatro, apparentemente alla ricerca di un manager, e dopo aver fallito, tornò al suo posto. E poi il confronto è diventato fisico. Secondo il testimone Charles Cummings, Reeves e Oulson ricominciarono a litigare quasi immediatamente, e furono lanciati popcorn - non è sicuro di chi - a quel punto Reeves estrasse la sua pistola .380 e sparò a Oulson sul petto. Cummings, un marine che ha visto il combattimento in Vietnam, ha detto che Oulson ha gorgogliato sangue e ha detto 'Non posso credere di essere stato colpito' prima di morire.

Una digressione che spero possa sembrare rilevante: a dicembre sono andata in un centro culturale del quartiere per vedere Carlos Reygadas ' Dopo il buio. Stavo aspettando da più di un anno per vedere il film in un teatro e su 35mm, quindi ero eccitato per la sua unica proiezione locale, anche se un po 'finito per lo scricchiolio di incarichi di fine anno. Non c'erano molte persone lì, forse due dozzine, e con un pubblico così piccolo - e un regista i cui film passati erano così deliberatamente scoraggianti - ti aspetteresti che compromettessero solo il più duro e il più dedicato dei cinefili. Ma abbastanza sicuro, alcune persone hanno iniziato a tirare fuori i loro cellulari, e poiché nessun altro lo stava facendo, mi sono preso la responsabilità di chiedere loro, educatamente ma fermamente, di smettere.

Mentre tornavo al mio posto per la seconda volta, in una specie di corsa per ridurre al minimo la distrazione, il mio piede si collegò alla bottiglia di soda che avevo lasciato sul pavimento, che scivolava scivolando lungo la fila quasi vuota. Potevo vedere una figura seduta accanto al corridoio lontano, e avrei potuto andare oltre e scusarmi, ma pensavo di averlo salvato dopo il film, e ad essere sincero, mi vergognavo della mia goffaggine. Quindi mi sono seduto sul sedile e ho rivolto la mia attenzione allo schermo, motivo per cui non ho visto la bottiglia di soda mentre tornava sibilando e mi ha colpito alla spalla.

Ciò, come si suol dire, ha portato a una discussione. La maggior parte di ciò che seguì fu confuso, anche se so che furono scambiate molte parole dure. E poi, caro lettore, l'ho spinto. Era piuttosto patetico, in realtà, un atto impulsivo e mezzo cieco che se la mia memoria potesse essere invocata a malapena connessa con il suo obiettivo previsto, ma l'intento era chiaro: volevo iniziare un combattimento - o, più precisamente, ne sentivo uno era stato avviato e non mi sarei allontanato.

Fortunatamente, era più o meno quello. L'altro uomo ci ha suggerito di uscire, gli ho detto nella lingua più profana che potevo radunare di non avere interesse a farlo, e mi sono seduto di nuovo in un vano tentativo di concentrarmi sul resto del film. Inutile dire che la proiezione è stata rovinata, per me e, molto probabilmente, per tutti gli altri. Non sono sicuro di cosa avrei potuto realisticamente fare diversamente, a parte essere un po 'goffo, ma mi dispiace sinceramente.

Gli sms erano parte di questo confronto? Un po. Aveva qualcosa a che fare con esso? Non proprio. Principalmente riguardava gli uomini e il loro esagerato senso del diritto, e il fatto che, nonostante le mie opinioni politiche liberali e il mio comportamento generalmente timido, c'è una parte di me che è essenzialmente una lucertola. Dovrei saperlo meglio, e di solito lo so, ma per quanto evoluto possa immaginarmi, una parte di me è ostinatamente bloccata nell'età della pietra. Non importa quanto sono mal equipaggiato a seguire quegli impulsi del rettile-cervello, o quanto male dovrei affrontare in un vero combattimento - e l'uomo, sarebbe uno spettacolo triste e vergognoso - a volte Vedo il rosso e non voglio altro che battere la merda da qualcosa.

Questo è ciò che è noto, popolarmente, come il bisogno di uccidere, che usiamo principalmente per scherzo (parziale). Ma metti una pistola sul fianco di qualcuno e all'improvviso non è più una metafora. Non sto dicendo che avrei sparato a quell'uomo, ma non ho modo di sapere se avrebbe potuto spararmi. Curtis Reeves probabilmente avrebbe. E non avrebbe avuto niente a che fare con i film o gli sms o altro, ma cosa succede quando combini la natura umana e un'arma mortale. L'omicidio di Chad Oulson è una tragedia e una terribile riflessione sullo stato della nostra nazione. Ma riflette ancora più male sulla nostra cultura che un uomo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un luogo pubblico e, invece di una pistola, diamo la colpa al suo telefono.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers