Un titolo che si trova: 'È una specie di storia divertente'

Questa recensione è stata originariamente pubblicata durante la copertura indieWIRE del Toronto International Film Festival di quest'anno. Il film uscirà nei cinema questo venerdì.



ribelli guerre stellari wiki

Pochi cineasti americani di recente memoria hanno eguagliato la capacità dei co-registi Anna Boden e Ryan Fleck di far funzionare le piccole storie in grandi modi. 'Half Nelson' ha fatto un ritratto grintoso e sobrio delle lotte di un insegnante con il sistema scolastico pubblico di Brooklyn in un'esca da Oscar. Il loro seguito, 'Sugar', ha miracolosamente trasformato l'esperienza degli immigrati nel baseball della lega minore in un film sportivo entusiasmante. Data la loro comprovata esperienza nell'iniezione di punti di discussione socioeconomici in folle pubblico, Boden e Fleck hanno guadagnato le risorse per farne di più. Sfortunatamente, il loro passaggio verso il cinema tradizionale con 'È una specie di storia divertente' segna un passo falso, come se qualcosa si fosse perso nella traduzione. Sforzandosi da una miscela dolorosamente inquieta di cliché drammatici e gag scarsamente scritti, il film recita come 'One Flew Over Cuckoo’s Nest' rifatto come una commedia rudimentale per adolescenti.

Una manciata di spettacoli naturalistici, il fattore essenziale dei precedenti progetti dei cineasti, si imbattono in una sceneggiatura appesantita dalla formula. Basato sul romanzo di Ned Vizzini, 'It is Kind of a Funny Story' segue la difficile situazione di Craig (Keir Gilchrist), un timido studente di 16 anni della scuola privata di Brooklyn afflitto da sogni di suicidio. Traboccante di ispirazione, si ritrova in un reparto psichiatrico, dove i lavori di ristrutturazione lo costringono a condividere lo spazio con pazienti adulti per la settimana. Questi includono il copricapo iperattivo Bobby (Zach Galifianakis), la cui storia di depressione e conflitti coniugali fa sembrare mansueti i problemi di Craig. Altrove, Craig trova una potenziale anima gemella con Noelle (Emma Roberts), una collega adolescente segnata dalle cicatrici delle ferite autoinflitte. La loro relazione mette in discussione la cotta di Craig sull'amica del liceo Nia (Zoe Kravitz), la fidanzata della sua migliore amica Aaron (Thomas Mann). Inutile dire che, nel corso della settimana di permanenza di Craig, apprende in genere lezioni toccanti sulle sfide della crescita. In parte film per amici, in parte commedia romantica per adulti, tutto ciò che riguarda la trama puzza di familiarità - il primo segno di problemi in corso.



Avventurandosi in un nuovo territorio, Boden e Fleck hanno realizzato una commedia stilizzata con aspirazioni di capricciosità in opposizione alla moderazione degli attori. Lo sguardo vuoto di Gilchrist si registra quando tenta invano di giustificare i suoi sentimenti con la contrazione del residente del rione (Viola Davis), ma sembra fuori posto quando si gira verso la telecamera e scarica i suoi pensieri interiori. Raccontando la sua esperienza e spiegando il suo passato al pubblico, Craig rivela le assurde fantasie che derivano dalle irragionevoli aspettative dei suoi genitori nei suoi confronti. Una serie di dispositivi arbitrari di narrazione scorre veloce: Craig immagina di sbarcare la presidenza americana e diventare una celebrità di MTV, creando una sciocca dissonanza di personalità e ambientazione che distrugge qualsiasi spazio per la credibilità emotiva. Una sequenza estesa in cui Craig canta 'Under Pressure', immaginandosi come il frontman hard-rock in una band composta dai suoi compagni di prigionia, ha un sacco di abbagliante fascino visivo, ma non ha alcuno scopo immediato oltre a disegnare il tempo di esecuzione.



film il ragazzo 2015

È difficile capire perché i cineasti abbiano deciso di abbracciare un senso dell'umorismo così schietto, facendo diversi passi oltre la realtà nonostante i suggerimenti degli sforzi per rimanere fedeli ad esso. L'unica osservazione coerente viene da Craig che si rende conto dell'ironia di candidarsi alla sua stravagante scuola di preparazione quando qualcuno con tasche abbastanza profonde ottiene facile accesso. Ma altri dettagli (ovvero un detenuto ebreo ortodosso che si sta riprendendo dalla 'scena dell'acido chassidico a Williamsburg') appartengono a un film minore con più interesse per la satira strana che per l'autenticità. Ciò potrebbe non importare se alcune battute sono finite, ma il principale problema di 'È una specie di storia divertente' è che il titolo ti sta.

Nel frattempo, l'agitazione psicologica di Craig suona continuamente in modo falso. Anche ammette che 'i miei problemi sono meno drammatici' di quelli di altri detenuti, un fattore che sgonfia la crisi all'inizio. Ci sono barlumi di commenti sugli svantaggi della scolarizzazione troppo costosa e delle pressioni scolastiche prepotenti, ma nulla nel mondo di Craig ricorda i problemi della vita reale che affliggono i personaggi di 'Sugar' e 'Half Nelson'. Anche se fa parte del punto, è sepolto nella bizzarra e inconsapevole autocoscienza. 'Mi dispiace, ragazzi', dice Craig al pubblico a un punto di svolta nella sua relazione con Noelle, 'ma questo sta per diventare davvero sdolcinato.'

Sfortunatamente, le scuse non lo taglieranno. 'È una specie di storia divertente' mostra una squadra di talento che va nella direzione sbagliata. Boden e Fleck non sono le uniche forze fuori posto; L'esibizione blanda di Galifianakis può fornire una ragione sufficiente per spaventarlo da ruoli altrettanto non convenzionali. Spero che avrà un effetto simile nel spaventare questi registi da questo inutile tipo di progetto.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers