Toronto 2006 | Lake Of Fire di Tony Kaye

Oggi, dal momento che molti membri della stampa e dell'industria hanno lasciato la città, ero entusiasta di prendere un paio dei titoli più attesi nella mia lista di film da vedere. Il primo è stato quello di Hal Hartley Fay Grim (più su questo in un altro momento, ma mi è piaciuto molto), e dopo un pranzo veloce, mi sono precipitato sul Varsity 7 per catturare la seconda proiezione stampa di Tony Kaye Lago di fuoco. Ero sfinito dal lavoro della settimana e il difficile argomento del film sembrava scoraggiante; già dal punto di vista emotivo, sfinito e forse più aperto e vulnerabile come spettatore di quanto avrei potuto essere altrimenti, non ero sicuro di poterlo fare. Ma quando il film è uscito, mi sono sentito trasformato e sopraffatto.

Credo che tra 20 anni, quando il panorama politico della nostra nazione cambierà in qualunque modo, torneremo Lago di fuoco, insieme a film come Frederick Wiseman Follies del Titicut, Albert e David Maysles ' Gimme Shelter, Di Barbara Kopple Contea di Harlan, Stati Uniti ed Errol Morris ' La nebbia della guerra, come documentario essenziale; Un pezzo del puzzle cinematografico della nostra nazione. lo sapevo Lago di fuoco sarebbe difficile (qualsiasi film responsabile sulla questione dell'aborto deve essere), ma non ero preparato per l'epica complessità del film; Ho usato la parola capolavoro su questo sito prima, ma Lago di fuoco è uno dei film documentari più importanti mai realizzati. Girato interamente su uno splendido film in bianco e nero e utilizzando in primo piano estremi primi piani di molti dei suoi argomenti di intervista, Kaye (noto per Storia americana X e la lunga battaglia per quel film) ha creato ciò che è, sia esteticamente, politicamente e cinematograficamente, ciò che posso solo immaginare sarà ricordato come il filmato della nostra battaglia sul diritto di una donna di scegliere un aborto.

Girato per un periodo di 16 anni (dal 1991 ad oggi) e della durata di 150 minuti, il film è molto più di un semplice appello a nomi e volti che hanno portato la lotta ai diritti di aborto negli ultimi due decenni; è, semplicemente, una cronaca devastante della lenta e costante scivolata dell'America nell'intolleranza politica. Con un accesso inimmaginabile alle persone su entrambi i lati della questione, Kaye rifiuta di sussultare dalla presentazione completa richiesta dall'argomento; Le riprese includono film sulla scena del crimine, bombardamenti e omicidi clinici, proteste, difese e processi clinici, ma il cuore e l'anima del film sono le conversazioni con i sostenitori del diritto di una donna di scegliere e quelli che si oppongono all'aborto. Più difficile di tutti, due procedure di aborto sono mostrate in dettaglio.



magia per gli umani stagione 2

Ciò che sorprende (e in definitiva ciò che rende il film così importante) è la comprensione di Kaye che, mentre il problema stesso è quasi uno schermo vuoto su cui viene proiettata ogni sorta di convinzione umana profondamente sentita, l'elemento cruciale in gioco nel dibattito sull'aborto è il mancanza di un adeguato quadro etico per aiutare la maggior parte delle persone a creare una soluzione ragionevole alla divisione politica. Vale a dire, mentre nessuno dubita che un feto sia 'umano' in un modo o nell'altro (o come la sua prima forma incompiuta o come un bambino umano dal momento del concepimento), non c'è modo di sapere definitivamente con assoluto certezza qual è il rapporto tra ogni giorno di gestazione e lo sviluppo di una vita umana. Ci rimane un'ambiguità senza risposta, altamente politicizzata, nella grigia area oscura dove prende il sopravvento il comportamento umano e scopriamo molti più conflitti che soluzioni; Fede umana e autorità religiosa contro una democrazia costituzionale che ha scelto espressamente di annullare l'influenza della religione sulle attività dello stato, la realtà della domanda di aborto che richiede un accesso sicuro a una procedura legale per le donne contrapposte a un ideale religioso del mondo in cui rendere illegale l'aborto è il primo passo per creare un'utopia morale.

E poi c'è la violenza. Al centro della prima metà del film c'è la serie di omicidi di fornitori di aborti in Florida, Boston e New York. L'esempio più potente del film sull'aumento dell'intolleranza violenta è visto nel caso di Paul Hill, l'ex ministro presbiteriano che ha ucciso il dottor John Britton e la sua guardia del corpo, ritirato dal tenente colonnello dell'aeronautica militare James Herman Barrett fuori da una clinica femminile nel Pensacola, in Florida, il 29 luglio 1994. Hill si presenta presto nel film quando viene visto difendere l'assassino Michael Griffin fuori dall'aula del tribunale di Pensacola (lo stesso Griffin è stato condannato per aver ucciso il dottor David Gunn il 10 marzo 1993, un anno prima Hill ha commesso il suo omicidio nella stessa clinica). In una conferenza stampa dopo che Griffin ha ricevuto un verdetto di colpevolezza, Hill viene visto alla telecamera che definisce gli omicidi una 'giusta risposta' all'atto di compiere un aborto legale. Un operatore della macchina fotografica tra la folla porta Hill al compito per la sua difesa della violenza e fa un commento fuori mano, chiedendo 'se ti vedremo sotto processo per omicidio tra qualche mese' e Hill fa una pausa perché il seme è chiaramente piantato nella sua mente. Hill diventa un normale fuori dalla clinica, viene visto protestare per un servizio commemorativo per il dottor Gunn e poi esplode violentemente. Kaye ha un sacco di filmati della crescente campagna di Hill contro la clinica; l'intera progressione da attivista ad assassino è visibile sullo schermo. Hill fu successivamente giustiziato dallo Stato della Florida il 3 settembre 2003.

austin potenzia i putlocker


Paul Hill, fuori dalla clinica femminile di Pensacola

La trama intrecciata di Griffin e Hill trasforma il film e complica profondamente la posizione anti-scelta; come sostenitori dell'omicidio e della giustizia vigilante che ignorano la legittimità delle leggi della nostra nazione perché non si conformano alla loro visione religiosa, Griffin e Hill, così come i loro compagni assassini Eric Robert Rudolph, James Charles Kopp (che non è nominato nel film) e John Salvi forniscono una visione orribile del ruolo che la fede religiosa e la certezza morale hanno nella risposta di qualcuno alla legge. Kaye racconta questa storia direttamente; permette alle persone di parlare senza inserire la propria voce come avvocato su entrambi i lati del problema, ma non è semplicemente concentrato sul movimento anti-scelta. Inoltre non convalida la connessione di Hill e Griffin tra la fine di una gravidanza e un omicidio confrontando le azioni di Hill e Griffin con l'atto dell'aborto, consentendo invece agli etici e ai fedeli di discutere le implicazioni del crimine.

Prima di travisare erroneamente questo film come un film carico e di scelta che contrappone sostenitori razionali e liberi di pensare contro l'assassinio di attivisti anti-scelta, lasciatemi dire ancora una volta che molte voci su entrambi i lati dell'argomento sono ascoltate e il film fa un ottimo lavoro nel mostrare il dilemma etico che circonda l'aborto. Negli ultimi momenti del film, Kaye personalizza quel dilemma nei modi più difficili e drammatici mostrandoci una giovane donna che attraversa l'intero processo di ricezione di un aborto. È nella storia di questa donna che il film delinea chiaramente la difficoltà della decisione personale di interrompere una gravidanza. Mostra anche la procedura in dettaglio, dal supporto psicologico e il processo di intervista all'intervento chirurgico stesso. Il film non è per i deboli di cuore, e il suo rifiuto di distogliere lo sguardo dalla realtà fisica dell'aborto solleverà molte domande nella mente degli spettatori su entrambi i lati della questione. Le conseguenze della procedura forniscono la coda perfetta per il film, ma mi ha anche lasciato la netta sensazione che, in qualche modo, gli avvocati di Roe abbiano capito bene quando hanno incastrato il divieto di aborto come violazione del nostro quarto emendamento sul diritto alla privacy. Perché, nonostante tutta la furia, la violenza e l'ostilità esposte nel film (e nella società), Kaye ha perfettamente ragione quando mostra l'atto di interrompere una gravidanza come, essenzialmente, la decisione più privata e personale attualmente garantita da legge federale.


La marcia delle donne su Washington

È interessante notare che entrambe le parti di questo problema vorrebbero vedere riduzioni del numero di aborti eseguiti poiché nessuno vuole vedere una donna affrontare la terribile e difficile decisione di interrompere una gravidanza. Ma non viviamo in un'utopia, né lo faremo mai, e come tale, gli americani devono cercare un modo per riconciliarsi con le realtà del comportamento umano e della fede umana, trovando un modo di vivere insieme nonostante le nostre profonde differenze. La profonda ambivalenza di Kaye su questa possibilità è in mostra fin dall'inizio. Non ci sono soluzioni qui, nessun ponte costruito, nessun percorso di comprensione. Ciò che rende grande il film è il riconoscimento che non può fornire risposte, ma piuttosto un'illustrazione completa e profondamente sentita della profondità del problema. Hai solo bisogno di guardare fino al titolo del film per la prova.

Lago di fuoco prende il nome da un passaggio nel Libro dell'Apocalisse, citato nel film, che riassume la profondità della divisione nel modo più conciso possibile.

“E vidi i morti, piccoli e grandi, stare davanti a Dio; e i libri furono aperti: e fu aperto un altro libro, che è il libro della vita: e i morti furono giudicati da quelle cose che erano scritte nei libri, secondo le loro opere. E il mare rinunciò ai morti che vi erano dentro; e la morte e l'inferno consegnarono i morti che erano in loro: e furono giudicati ogni uomo secondo le loro opere. E la morte e l'inferno furono gettati nel lago di fuoco, questa è la seconda morte. E chiunque non è stato trovato scritto nel libro della vita è stato gettato nel lago di fuoco. ' –Il libro dell'Apocalisse, capitolo 20, versetti 12-15

un giorno alla volta revisione

Dove possiamo andare da qui? Come possiamo trovare una via di mezzo tra coloro che credono che i non cristiani trascorreranno l'eternità in un lago di fuoco all'inferno e quelli che cercano la privacy personale e la libertà di scelta per prendere una decisione incredibilmente difficile e dolorosa di interrompere una gravidanza? Non mi interessa entrare nella politica dell'aborto qui, perché rende quasi impossibile parlare del film e descrivere accuratamente il delicato gesto di equilibrio di Kaye, quindi spero che i miei pensieri sul film siano visti proprio così; pensieri su un film. Ho le mie convinzioni, ma mi rifiuto di scambiare le ostilità esposte nel film. Prendilo per quello che vale. O pensa a questa recensione come un tentativo di praticare ciò che predico e faccio un gesto verso coloro con cui non sono d'accordo. In entrambi i casi, credo che le persone di buona volontà da entrambe le parti del dibattito debbano vedere il film e spero che possa diventare uno strumento per aprire la discussione su questo problema profondo tra coloro che non sono d'accordo. Sarò molto interessato a vedere questo film mentre si fa strada nel mondo, e nonostante mi lasci con la sensazione di essere assolutamente devastato, quasi non vedo l'ora di vederlo di nuovo. È assolutamente essenziale e come ho detto, sarà ricordato come tale. Il miglior film che ho visto a Toronto con ampio margine.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers