Perché la storia delle pellicole da 16 mm è importante

Molte persone hanno ipotizzato che il film di 16 millimetri sia un formato in via di estinzione, se non obsoleto. Durante un evento sorprendentemente popolare al Festival Internazionale del Film di Vienna di quest'anno - alias la Viennale - si è svolta una ricerca archeologica sul valore storico di 16mm.



Presentata nella capitale austriaca, che sembra avere più negozi di antiquariato pro capite di qualsiasi città del mondo, la serie Revolutions in 16 MM: Towards an Alternative History of the Small Gauge ha campionato la gamma e le infinite stranezze di un formato che dominava il cinema al di fuori del sistema di studio dagli anni 1920 al 1990.

L'evento ha anche riconosciuto artisti irriducibili che lavorano ancora in 16mm, tra cui Kevin Jerome Everson, Jodie Mack, Richard Tuohy e Alexandre Rockwell. 'È la bellezza, ed è economico', ha detto Rockwell, che era alla Viennale con i 'Little Feet' girati in 16mm. 'A differenza del digitale, non si preme così tanto il grilletto.'



LEGGI TUTTO: Darren Aronofsky su Why Digital non è un sostituto per le riprese di film

L'argomento potrebbe essere riassunto come segue: 16mm, illimitato come la curiosità di chiunque, è un anacronismo - e non lo è. Oppure, come avrebbe potuto dirlo Marshall McLuhan, se qualcosa cessa di avere una funzione, o si estingue o si trasforma in un'opera d'arte.



Documentare il passato

Fare il caso per 16mm è come fare il caso per il film stesso, dal momento che tutto, dal servizio di cronaca, al film sperimentale alla pornografia è stato creato sul formato.

Eppure quella gamma è speciale. 16mm potrebbero essere proiettati in un cinema commerciale. Era anche un formato che poteva essere usato privatamente. Da qui gli estremi che hanno inquadrato la vasta portata del programma della Viennale.

'È incredibile quello che è successo con 16 millimetri', ha dichiarato Hans Hurch, direttore della Viennale. “L'intero campo del documentario è completamente cambiato. Direct Cinema, cinema verite - tutte queste cose sono state fatte di 16 millimetri, per lavorare con una macchina fotografica sulla spalla e per muoversi. ”

Ha anche sottolineato la gamma di produzioni che hanno beneficiato del formato. 'È stato molto importante per la televisione e molti film d'avanguardia, diari e film privati ​​sono stati realizzati in 16 millimetri', ha detto Hurch. “Ed è stata una rivoluzione in tutto il mondo. Stiamo cercando di documentare questo, ma allo stesso tempo vedi qualcosa che è finito, che è sparito. ”;

Quasi andato, cioè al punto che le persone che gestiscono gli archivi cinematografici non sono sempre consapevoli delle proprie partecipazioni in quel formato. (La Biblioteca pubblica di New York ha una collezione di prestiti da 16 mm - chi lo sapeva? Harvard ha appena acquisito la collezione della Biblioteca di Boston e continuerà a prestarla.)

I co-curatori Haden Guest dell'Harvard Film Archive e Katia Wiederspahn della Viennale hanno fatto i loro scavi per organizzare il programma, che è stato proiettato in selezioni a tema.

Per i critici, ciò significava guardare i film sugli schermi e nei cinema, senza che i DVD fossero disponibili per la stampa e certamente non i collegamenti al computer.

Tipico della Viennale, si trattava di arroganza nel miglior senso della parola: studioso, approfondito, proiettato in un modo che rifletteva vari stati di conservazione e che arrivava nelle profondità degli archivi cinematografici di tutto il mondo. Non è stato sempre facile guardare. Erano dei matti che si aspettavano tanto dal pubblico quanto dai registi e da se stessi. Ha pagato.

Una gamma di possibilità


I programmi erano più un campionamento che un sondaggio. Persino affrontare il programma selettivo della Viennale nella sua interezza sarebbe un compito enorme: un'intera sezione era dedicata alle riprese di guerra, più una ai film di diario.

Alcuni film indicano le altezze del programma e le sue idiosincrasie. La fotocamera da 16 mm ha dato una nuova mobilità alle riprese senza sacrificare la qualità dell'immagine. I documenti americani degli anni '50 e '60 combinarono informazione e poesia. Sul disegno di legge della Viennale c'era il classico 'Chisciotte' (1965) di Bruce Baillie, un collage di Whitmanesque sulle ambizioni di conquista americane che inizia con un paesaggio desolato e si snoda attraverso quel territorio e attraversa dissolvenze incrociate nella Guerra Fredda, arrivando infine alla guerra in Vietnam. La 'Messa per il Dakio Sioux' di Baillie (1963-4) è un epico elegiaco requisito per quegli stessi luoghi.

star trek discovery s01e06

In 'Razor Blades' (1968), il maniaco Paul Sharits - energico come Warhol era letargico - passa in doppia proiezione dalla geometria pulsante alla politica e poi torna all'astrazione. Gli effetti ottici richiamano alla mente il genere chiamato Op Art, una risposta astratta alla Pop Art che ha conquistato il mercato. Sharits è troppo satirico per limitarsi all'astrazione, giocando con tutti i tipi di tecniche che Warhol userebbe, come il ritratto colorato. Il film sapientemente cinetico non sembra datato oggi. Potrebbe essere mostrato in gallerie d'arte, che potrebbero essere gli ultimi posti in cui è possibile monetizzare i film 16mm.

Le rivoluzioni in 16 mm raggiunsero proporzioni più attuali con 'El Grito' (1968), diretto da Leobardo Lopez Aretche, presentato in un programma chiamato Collective Cinema. Ecco la prova della portata globale del formato: un team di cineasti messicani osserva l'impennata di protesta dell'Università Autonoma del Messico nella primavera del 1968. La loro causa era bloccare l'intervento illegale da parte del governo, che avrebbe dovuto rimanere a lunghezza del braccio per garantire la libertà di espressione - un obiettivo sostenuto dagli Stati Uniti fino a quando gli studenti hanno iniziato a prenderlo sul serio.

Incorniciati contro una vasta piazza nel campus modernista della grande architettura rettilinea, gli studenti hanno ammassato e denunciato i leader politici del Messico, innescando repressioni da parte di soldati e polizia. Le riprese di tutto, mentre i dimostranti facevano i loro murales politici e si riversavano in quegli spazi e sui grandi viali della città, era un tour de force di coraggiose riprese fotografiche. Il montaggio del film di 101 minuti è una meraviglia logistica.

vincolo del disegno 9

Alla fine, mentre i Giochi Olimpici si avvicinano a Città del Messico mesi dopo, i soldati si trasferiscono per schiacciare gli studenti. Vediamo quegli scontri nelle immagini fisse di sangue e nelle scene drive-by che testimoniano le manovre militari, filmate di nascosto dalla squadra per evitare di essere scoperte. Le stesse strade insanguinate - ora prive di studenti - accolgono le Olimpiadi.

'El Grito', che prende il nome dal giorno dell'indipendenza messicana dalla Spagna, è stato bandito in Messico per anni. Vederlo su qualsiasi formato era quasi impossibile, sebbene sia stato recentemente resuscitato su YouTube. La versione mostrata alla Viennale aveva un doppiaggio in inglese, completo di una sezione della cronaca della giornalista Oriana Fallaci per essere stata arrestata dalla brutale polizia. La stampa sembra provenire da un archivio messicano, grazie a qualcuno che la voleva preservata. Proiettarlo su 16mm è stato un momento emozionante della Viennale di quest'anno. Dovrebbe essere richiesto per le scuole di cinema, anche in versione digitale.

Home Film e … Porno '>
La pratica del cinema collettivo, un traguardo monumentale in 'El Grito', ti porta nell'area grigia tra registi (o studenti) addestrati e dilettanti assoluti - cittadini armati di 16mm.

Un programma dedicato ai filmati domestici su 16mm ha esplorato quelle vaste profondità fai-da-te. Chi sapeva che c'erano film domestici di Joan Crawford? La vediamo nel 1940 a colori, con un bambino che in seguito avrebbe informato il mondo che Crawford era offensivo nei confronti dei bambini che aveva adottato per motivi pubblicitari. Gli attori si esibiscono sempre, e lo vediamo qui, come tazze di Crawford per la cinepresa, vestite per una gita in campeggio in quella versione dell'epoca del look di Ralph Lauren.

Una battuta in corso al festival è stata la popolarità del programma 16mm dedicato al sesso. Metti una macchina fotografica in mano a qualcuno, e prima o poi otterrai la pornografia, con tante varianti quanti sono i registi di casa, non sempre sfruttando i 16mm per creare bellezza o addirittura erotismo.

'Deer Hunting', un film degli Stati Uniti del 1953 (nessuna relazione con il dramma del cuore del Vietnam ispirato al Vietnam del 1970) fu un esempio sconcertante. Gli uomini che sembrano essere nel loro ritorno di 30 anni da una caccia per appendere le carcasse di cervo ad asciugare, e abbastanza presto, mentre la birra scorre liberamente, iniziano a esporsi a vicenda. Tutto è un gioco, come si potrebbe dire, con i cervi morti usati come oggetti di scena (e partecipanti silenziosi) e viene esplorata tutta una serie di posizioni di gruppo. Chi ha detto che l'entroterra non era eccentrico? Abbiamo visto più prove di ciò nelle clip che i curatori chiamavano 'Enema Medley' dal 1960-62, dove una donna vestita per un'esperienza erotica ha dato clisteri a suo marito.

L'aspetto era più professionale dei film domestici, ma non molto di più. Eppure, anche con lo tsunami delle immagini sessuali là fuori, gli sforzi in questi film per violare i tabù sulla razza e sul sesso - persino la bestialità - potrebbero sorprenderti. In un'epoca in cui un uomo e una donna di razze diverse non potevano affittare la stessa camera d'albergo, c'è molto da fare qui, anche se con uomini bianchi e donne nere.

La produzione del 1922 'Getting His Goat', in cui tre donne in una spiaggia deserta decidono di togliersi i vestiti e nuotare, è stata particolarmente sorprendente. Sono inconsapevoli del fatto che dall'altra parte di una staccionata di legno, un giovane con gli occhiali, vestito come un secchione da cartone animato modellato sulla Harold Lloyd con gli occhiali, è pronto per qualche brivido - che attraversa un buco in una delle assi di legno . 16mm è stata la piattaforma per il primo buco gloria nella storia del cinema?

Il giovane ottiene la sua sorpresa quando le ragazze sostituiscono una capra dall'altra parte della tavola e l'uomo si riassume nell'esperienza. Le donne si vendicano - una svolta gradita, data la politica di genere di quell'epoca. Il film arriva con una morale: c'è un babbeo nato ogni minuto.

Più spettatori attendono

Ciascuno dei programmi della Viennale su 16mm ci ha dato un universo parallelo, in gran parte precedentemente non esaminato. Nel complesso, la serie merita un pubblico più ampio. Ma la logistica è complicata, la ricerca è impegnativa e i film - sebbene abbondanti - sono fragili.

Tuttavia, la serie suggerisce che potrebbe essere possibile un numero qualsiasi di campionamenti comparabili in 16mm. I repository sono là fuori. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono programmatori più intrepidi per distillare quelle aziende e proiettarle.

LEGGI TUTTO: Joel Coen, Martin Scorsese, Darren Aronofsky e Altro su Digital vs. Film



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers